L’assemblea dei soci di SAL approva all’unanimità il Bilancio d’esercizio 2017: investimenti sopra i 7 milioni di euro (31,32 euro per abitante all’anno)

Investimenti in crescita e servizi sempre più a misura di cittadino. Ieri pomeriggio l’assemblea dei soci di SAL ha approvato all’unanimità il Bilancio d’esercizio 2017, che si è chiuso con un aumento consistente degli investimenti effettuati sul territorio: 7 milioni e 201mila euro, a fronte dei 5 milioni 766mila euro del 2016. 

Un importo che equivale a 31,32 euro per ciascuno dei circa 230mila abitanti serviti dall’azienda pubblica del servizio idrico lodigiano, e che è in linea con la media delle aziende italiane del Nord Ovest (pari a 33 euro per abitante all’anno). “Questi 31,32 euro pro capite investiti da SAL nel 2017 sono la somma di tutti gli interventi attuati in un anno, da Comazzo a Castelnuovo Bocca d’Adda, per ammodernare centrali di acquedotto, potenziare depuratori, innovare le dotazioni del Laboratorio Analisi, posare o sostituire la fitta rete di tubazioni di acquedotto e fognatura che opera sotto i nostri piedi e compone il servizio idrico – ha spiegato il presidente di SAL, Antonio Redondi -. Il tutto, con una tariffa media di 1,48 euro per metro cubo, che si conferma quindi sotto la media italiana (la tariffa media delle aziende del Nord Ovest è di 1,82)”. Tra le opere più significative del 2017, l’ampliamento del depuratore di Lodi, inaugurato il 6 maggio, ma anche il potenziamento della centrale di acquedotto di Mairago, presentata il 16 giugno, e la ristrutturazione del serbatoio pensile di Zelo Buon Persico, con l’installazione dei nuovi filtri a carbone attivo (taglio del nastro il 20 ottobre). 

Nel complesso il bilancio 2017 ha fatto registrare 39 milioni di euro di ricavi (+11,8% rispetto al 2016) con una leggera crescita degli utili d’esercizio: 150.072 euro al netto delle imposte (+17,3% rispetto all’anno precedente). Ma l’assemblea dei soci è stata anche l’occasione per presentare i risultati dell’impegno di SAL sul fronte della sostenibilità sociale, 

ambientale ed economica: il Bilancio sociale 2017, giunto all’ottava edizione, ha rendicontato in particolare gli sforzi per offrire servizi sempre più mirati alle esigenze dei cittadini. Un esempio per tutti, la notifica del passaggio dei letturisti, introdotta per intensificare gli sforzi contro truffatori e falsi tecnici: 

compilando un form on line sul sito di SAL (accessibile alla pagina http://www.acqualodigiana.it/avviso-lettura/) gli utenti possono chiedere di essere avvisati, con un paio di giorni d’anticipo, via email o via sms, della data in cui l’incaricato di SAL passerà per effettuare la lettura del contatore. Sul fronte ambientale, i vertici di SAL hanno sottolineato il traguardo raggiunto proprio a inizio giugno con l’ottenimento della certificazione ISO 14001:2015, grazie agli sforzi, coordinati dall’Ufficio Qualità e Sicurezza ambientale, per migliorare i processi aziendali.

Nel corso dell’assemblea dei soci è stato rinnovato anche il Collegio Sindacale di SAL per il triennio 2018-2020: confermato il Collegio uscente, composto da Pierluigi Carabelli, Luigina Bolognini ed Elena Gazzola, sono stati nominati quali Sindaci Supplenti Carlo Tinelli e Lucio Toma.

L’appuntamento si è chiuso con un rapido aggiornamento sul progetto della sede definitiva per SAL: nei giorni scorsi l’azienda ha rinnovato il contratto d’affitto dell’area uffici di Lodinnova, estendendolo a tutto il corpo centrale del polo fieristico, con il diritto di prelazione sull’eventuale vendita dello stabile da parte della proprietà.

Lodi, 26 giugno 2018