TARIFFE E PAGAMENTI

 

Quanto si paga

Il prezzo dell’acqua è stabilito dall’Ufficio d’Ambito di Lodi (quello riportato è il piano tariffario 2018) che applica il Metodo tariffario idrico stabilito dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente).
Il prezzo dell’acqua è la somma di costi fissi e costi variabili che dipendono dai metri cubi di acqua utilizzata. Ciascun utente è tenuto al pagamento della:

Tariffa  fognatura: Costo che varia in base ai metri cubi di acqua utilizzata.
Tariffa depurazione: Costo che varia in base ai metri cubi di acqua utilizzata.
Tariffa acquedotto: costo che varia in base alla categoria contrattuale (uso domestico, uso commerciale/artigianale/industriale, uso agrozootecnico, uso enti pubblici, uso antincendio) e in base ai metri cubi di acqua utilizzata.
Quota fissa (annua): costo fisso che varia solo in base alla categoria contrattuale della fornitura e non in base all’utilizzo di acqua.

Dal 1° gennaio 2018 nella bolletta del Servizio Idrico Integrato vengono applicate le seguenti componenti tariffarie aggiuntive:

  • UI1 = 0,004 euro/mc applicata ai metri cubi di acquedotto, ai metri cubi di fognatura e ai metri cubi di depurazione (per il sostegno delle zone colpite dal terremoto del 2012, delibera AEEGSI n. 529/2013/R/IDR).
  • UI2 = 0,009 euro/mc applicata ai metri cubi di acquedotto, ai metri cubi di fognatura e ai metri cubi di depurazione (per l’efficienza del servizio, delibera AEEGSI n. 918/2017/R/IDR)
  • UI3 = 0,005 euro/mc applicata ai metri cubi di acquedotto (per l’ erogazione del bonus sociale idrico, delibera AEEGSI n. 918/2017/R/IDR)

I costi variabili delle tariffe “acquedotto“, “fognatura” e “depurazione” dipendono dai metri cubi di acqua utilizzati nel periodo calcolato in bolletta. I consumi possono essere effettivi (bolletta a saldo), se nel periodo è stata fatta una lettura del contatore, o stimati (bolletta in acconto), se non è stata effettuata la lettura. Nel caso di bolletta a saldo (con lettura), i consumi sono conteggiati per differenza con la lettura precedente, detraendo quanto eventualmente già addebitato con i precedenti acconti (bolletta a conguaglio). Nella maggior parte dei casi la bolletta è mista, perchè vengono calcolati sia i consumi effettivi (fino alla data della lettura) sia i consumi stimati (dal giorno successivo alla lettura fino alla fine del periodo).

I consumi possono essere calcolati sia a partire da dati reali (lettura effettiva, quando comunichi l’autolettura o quando un nostro incaricato riesce a leggere il tuo contatore), sia in base a una stima (quando non comunichi l’autolettura o non riusciamo a leggere il contatore). La stima è una previsione dei consumi e si basa sui consumi degli anni precedenti (consumi storici). Se i consumi cambiano rispetto agli anni precedenti le stime diventano imprecise e può capitare di pagare in bolletta di più o di meno rispetto a quello che hai effettivamente consumato. Con la prima lettura reale utile si effettua quindi un conguaglio per allineare i costi ai consumi. L’autolettura è quindi importante per ricevere sempre bollette che corrispondono ai consumi reali del periodo e può essere comunicata on line (autolettura on line) oppure telefonicamente (800 975 867). Inoltre, quando si effettua una voltura, da un precedente contratto, è fondamentale comunicare i propri consumi in quanto possono essere molto diversi da quelli del precedente intestatario sui quali, in assenza di comunicazioni, sono calcolate le nostre stime. 

Le categorie contrattuali sono cinque (uso domesticouso commerciale/artigianale/industriale, uso agrozootecnicouso enti pubbliciuso antincendio) e ciascuna di esse ha delle tariffe proprie stabilite dall’Ufficio d’Ambito di Lodi, che SAL, in quanto Gestore, è tenuto ad applicare a ciascun utente. Quando attivi un nuovo contratto sei tenuto ad indicare la categoria contrattuale in funzione della destinazione d’uso dello stabile/terreno per cui richiedi la fornitura idrica. Di seguito l’Articolazione tariffaria 2018 (fonte Ufficio d’Ambito Territoriale di Lodi). di ciascuna categoria contrattuale. L’aumento della tariffa 2018, rispetto al 2017, è del 5,1% (delibera AEEGSI n. 558/2016/R/IDR). L’incremento tariffario si applica anche agli scarichi industriali. 

Uso domestico

Quota fissa: 22,51 €/anno
Costi variabili tariffa acquedotto:

  • per un consumo annuo fino a 80 metri cubi: 0,458 €/mc
  • per un consumo annuo da 81 a 180 metri cubi: 0,672 €/mc
  • per un consumo annuo maggiore di 180 metri cubi: 0,976 €/mc

Costi variabili tariffa fognatura: 0,317 €/mc
Costi variabili tariffa depurazione: 0,492 €/mc

Gli scaglioni tariffari sono indicati con base annuale, ma si applicano, con il metodo “pro die”, in proporzione ai giorni del periodo fatturato. L’esempio seguente può aiutare a comprendere meglio il complesso sistema di calcolo della tariffa.

  1. bolletta bimestrale – consumo 40 metri cubi – periodo di fatturazione 60 giorni. 
    Se la bolletta copre un periodo di 60 giorni come intervallo fra due letture e il consumo, nel medesimo periodo, risulta essere di 40 metri cubi, il costo variabile della tariffa acquedotto sarà così composto:

    1. ai primi 13 metri cubi si applica la tariffa 0,458 €/mc (1° scaglione, 0 – 80 mc) che viene calcolato attraverso i seguenti passaggi: 
      (80 mc / 365 gg) x 60 gg = 13 mc; 13 mc x 0,458 € = 5,95 € (costo variabile tariffa acquedotto primo scaglione);
    2. ai secondi 16 metri cubi si applica la tariffa 0,672 €/mc (secondo scaglione, 81 – 180 mc) che viene calcolato attraverso i seguenti passaggi: 
      180 mc – 80 – mc = 100 mc; (100 mc / 365 gg) x 60 gg = 16 mc; 16 mc x 0,672 € = 10,75 € (costo variabile tariffa acquedotto secondo scaglione);
    3. ai restanti 11 metri cubi si applica la tariffa 0,976 €/mc (costo variabile tariffa acquedotto eccedenza, > 180 mc) che viene calcolato attraverso i seguenti passaggi: 
      40 mc – (13,5 mc + 16,44 mc) = 11 mc; 11 mc x 0,976 € = 10,74 € (costo variabile tariffa acquedotto eccedenza);


      Per calcolare il costo complessivo della tariffa acquedotto della bolletta in esempio, si devono quindi sommare: 5,95 € (tariffa primo scaglione) + 10,75 € (tariffa secondo scaglione) + 10,74 € (tariffa eccedenza) = 27,44 €. 

      Alla tariffa acquedotto vanno poi sommate le tariffe fognatura (40 mc x 0,317 € = 12,68 €) e depurazione (40 mc x 0,492 € = 19,68 €). 

      Il costo totale della bolletta in esempio risulta pari a 59,40 € e si ottiene sommando: 27,44 € (tariffa acquedotto) + 12,68 € (tariffa fognatura) + 19,68 € (tariffa depurazione).

Uso commerciale/artigianale/industriale

Quota fissa: 45,03 €/anno
Costi variabili tariffa acquedotto: 0,671 €/mc
Costi variabili tariffa fognatura: 0,317 €/mc
Costi variabili tariffa depurazione: 0,492 €/mc

Uso agrozootecnico

Quota fissa: 75,05 €/anno
Costi variabili tariffa acquedotto: 0,229 €/mc
Costi variabili tariffa fognatura: 0,317 €/mc
Costi variabili tariffa depurazione: 0,492 €/mc

Uso Enti pubblici

Quota fissa: 45,03 €/anno
Costi variabili tariffa acquedotto: 0,458 €/mc
Costi variabili tariffa fognatura: 0,317 €/mc
Costi variabili tariffa depurazione: 0,492 €/mc

Uso antincendio

Quota fissa: 75,05 €/anno
Costi variabili tariffa acquedotto: 0,306 €/mc
Costi variabili tariffa fognatura: 0,317 €/mc
Costi variabili tariffa depurazione: 0,492 €/mc

Cosa si paga

Sistema full cost recovery

Il prezzo dell’acqua  del rubinetto è di fatto una tariffa che risponde al sistema della totale copertura dei costi efficienti di un servizio. Stiamo parlando del servizio idrico integrato, quindi tra i costi del servizio, oltre a quelli di erogazione acqua potabile, ci sono anche quelli di fognatura e depurazione.

Ipotizzando un consumo pressoché costante di 30 metri cubi a bimestre, ovvero di 180 metri cubi annui, per un utenza domestica il prezzo medio del servizio idrico integrato è di 1,45 € al metro cubo, mentre la spesa annua complessiva è di 260 €.  

La composizione del prezzo dell’acqua lodigiana (calcolato su un consumo di 180mc annui)

torta

Come si paga

Con la fatturazione dei consumi 2017 è cambiata la periodicità delle bollette Sal. Nel rispetto delle nuove direttive emanate dalla AEEGSI (del. 655/2015/R/IDR):

  • chi utilizza mediamente più di 500 metri cubi d’acqua l’anno riceverà 6 bollette (una ogni 2 mesi) invece di 4 (una ogni 3 mesi).
  • chi utilizza mediamente fino a 500 metri cubi d’acqua l’anno riceverà 3 bollette (una ogni 4 mesi) invece di 4 (una ogni 3 mesi).

Chi riceve 3 bollette quadrimestrali può comunque fare richiesta di passare a 6, senza costi aggiuntivi, compilando il modulo RICHIESTA BOLLETTE BIMESTRALI, che prevede l’attivazione della domiciliazione. In tal caso è necessario attivare, se non lo si è già fatto, la domiciliazione bancaria/postale dei pagamenti (mandato SDD)
Sulla bolletta trovi i consumi del periodo di fatturazione, l’importo da pagare e la data di scadenza del pagamento. 

Puoi pagare la bolletta idrica in 5 modi diversi:

1) PAGAMENTO ON LINE CON MY SAL

Su My SAL puoi effettuare direttamente con carta di credito il pagamento della bolletta idrica. My SAL ti consente inoltre di rimanere sempre aggiornato sui tuoi consumi, effettuare l’autolettura del contatore in qualsiasi momento e scaricare le bollette in formato pdf. Accedi a MY SAL oppure registrati.

2) DOMICILIAZIONE DELLA BOLLETTA SU CONTO CORRENTE BANCARIO (MANDATO SDD) O POSTALE

La domiciliazione è il modo più comodo e sicuro per pagare le fatture e non dimenticare la scadenza. La Banca, o la Posta, effettuano il pagamento della fattura, solo alla data di scadenza e senza costi aggiuntivi da parte di SAL, direttamente dal conto corrente. Le fatture continuano ad essere recapitate a domicilio e ad essere consultabili on line su My SAL. Con l’attivazione della domiciliazione, alle utenze con consumi inferiori a 500 mc annui, non verranno applicati i costi del deposito cauzionale.

Come funziona

  • La Banca (o la Posta) effettua ogni volta il pagamento della bolletta alla data di scadenza prelevando la somma direttamente dal tuo conto corrente.
  • Puoi revocare la domiciliazione in qualsiasi momento.

Se al momento della scadenza sul tuo conto non è disponibile la somma necessaria, la bolletta non viene pagata. Il sottoscrittore ha facoltà di richiedere alla Banca il rimborso di quanto addebitato entro otto settimane dalla data del pagamento. 

Come si attiva
Compila il modulo “DOMICILIAZIONE PAGAMENTI – MANDATO SEPA-SDD” e invia a domiciliazioni.sepa@sal.lo.it.
Puoi attivare o revocare la domiciliazione bancaria o postale in qualsiasi momento.
Attenzione! Se cambia l’IBAN del tuo conto corrente devi attivare un nuovo addebito.

Come si disattiva
Compila il modulo “REVOCA DOMICILIAZIONE PAGAMENTI – MANDATO SEPA-SDD” e invia a  domiciliazioni.sepa@sal.lo.it.

 3) BOLLETTINO POSTALE

Puoi pagare in qualsiasi Ufficio postale utilizzando il bollettino postale precompilato che trovi allegato alla bolletta, oppure compilando un nuovo bollettino da versare sul conto n° 2402787 intestato a SAL srl. Sulla causale ricordati di indicare il numero della fattura e il codice cliente.

4) BONIFICO BANCARIO

Intesta il bonifico a SAL srl, codice IBAN IT20B0503420301000000001738, Sulla causale ricordati di indicare il numero della fattura e il codice cliente.

5) PAGAMENTO ALLO SPORTELLO

Si può pagare la bolletta nei SAL Point (Lodi e Casalpusterlengo) solo tramite bancomat o carta di credito.

Quando si può chiedere una rateizzazione del pagamento

  • RATEIZZAZIONE ULTIMA BOLLETTA:
    • Se la tua ultima bolletta supera del 100% il costo medio di quelle che hai ricevuto negli ultimi 12 mesi, hai diritto alla rateizzazione. compila e invia a recuperocrediti@sal.lo.it il modulo “RICHIESTA DI RATEIZZAZIONE” entro 10 giorni dalla data di scadenza della bolletta medesima. 
    • Puoi richiedere comunque la rateizzazione, per qualsiasi altra bolletta di importo superiore ad 80 euroentro 10 giorni dalla data di scadenza della bolletta medesima. Per richiedere la rateizzazione compila e invia a recuperocrediti@sal.lo.it il modulo “RICHIESTA DI RATEIZZAZIONE“. 


      SAL, per questo tipo di rateizzazioni, ha deciso di non applicare interessi di dilazione e mora.

  • RICHIESTA BOLLETTA BIMESTRALE: per dimezzare l’importo di tutte le bollette future, puoi passare da 3 a 6 bollette all’anno, senza costi aggiuntivi. Compila il modulo “RICHIESTA BOLLETTE BIMESTRALI” e invia a contratti@sal.lo.it. Per ottenere il passaggio da 3 bollette quadrimestrali a 6 bollette bimestrali, è necessario attivare, se non l’hai già fatto, la domiciliazione del pagamento (mandato SDD). 

Bonus idrico

Dal 1 luglio 2018 è possibile richiedere il bonus idrico. Si tratta di una misura volta a ridurre la spesa per il servizio di acquedotto di una famiglia in condizione di disagio economico e sociale. Per sapere chi ne ha diritto, come e dove si richiede, quanto vale e come si riceve cliccare qui.

Modifica la dimensione dei caratteri
Alto contrasto